In primo piano

Variant of Discounted Cash Flow method

Proposal for a new method of valuation, consisting in a variant of Discounted Cash Flow (DCF), particularly indicated for the estimation of that firms who at the date of valuation are in state of crisis or simply have a high non-cash working capital.

Formula (Asset Side):

Where

And:

Cash Flow from Operating Investments (CFOI) = Nopat - Net Cap Ex

 

For more informations:

Variant of Discounted Cash Flow method

 

 

Valutazione "smart" con soli ricavi e codice Ateco

Al fine di ottenere rapidamente un valore utilizzabile come riferimento (benchmark), in particolare, nel corso di trattative finalizzate alla compravendita di aziende o quote societarie, si è pensato di stimare il valore dell’azienda sulla base dei dati medi del settore di appartenenza. Così, è sufficiente che ci comunichiate il fatturato normalizzato dell’impresa ed il codice di attività Ateco 2007 prevalente che intendete cedere o acquistare, oppure conferire, incorporare, etc., e Vi comunicheremo entro brevissimo tempo (massimo 24 ore) il valore che essa può avere sulla base delle medie del settore di appartenenza. Il report che Vi sarà inviato, di seguito allegato sotto forma di esempio di un’impresa generante € 1.000 di fatturato, indicherà i risultati (il valore dell’azienda) ottenibili con diversi metodi di valutazione diretti ed indiretti (sulla base dell'utilizzo di apposite formule), di cui viene fornita un sintetica descrizione, oltre alle assumptions alla base del processo valutativo ed ai multipli impliciti di valutazione emergenti dalla stima eseguita con i metodi indiretti di valutazione utilizzati. È ovvio che tale stima non può sostituirsi a quella ufficiale che verrà eseguita dai propri professionisti di fiducia, in quanto ciascuna impresa non può considerarsi uguale ad un’altra, né vanno trascurati tanti altri importanti elementi peculiari dell’impresa che possono essere considerati soltanto dal valutatore investito dell’incarico, il valore medio che viene qui acquisito rappresenta comunque un utile elemento di confronto, anche a valutazione eseguita, oltre che un dato base di partenza per lo sviluppo delle trattative. Per usufruire del servizio è sufficiente accedere nella sezione “CONTATTACI” ed inserire, oltre a tutti i dati di contatto ivi richiesti,  nel corpo del messaggio l’indicazione del codice attività ATECO 2007 ed il fatturato di riferimento (costituito dall’ultimo consuntivo o da quello che si prevede l’impresa target possa raggiungere in futuro). E' necessario indicare nel corpo del messaggio i dati completi per la fatturazione del servizio, compreso il codice per la fatturazione elettronica.   Tariffa del serivizio, IVA esclusa, € 200,00. 

Rivalutazione partecipazioni detenute in società non quotate all'1/1/2021

La legge di bilancio 2021 (Legge n. 178 del 30/12/2020) riapre i termini per procedere alla rivalutazione delle quote di partecipazione in società non quotate detenute da persone fisiche, società semplici, enti non commerciali e soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia alla data del 1° gennaio 2021 (articolo 1, commi 1122 e 1123).

Alla luce delle nuove disposizioni è possibile rideterminare i valori di acquisto delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati possedute alla data del 1° gennaio 2021, procedendo alla redazione ed al giuramento della perizia, nonché al pagamento dell’imposta sostitutiva dell’11%, o alla prima delle tre rate annuali in cui essa può essere suddivisa (con una maggiorazione del 3% sulle rate successive alla prima), entro il 30 giugno 2021.

[SCARICA IL SOFTWARE GRATUITO PER DETERMINARE LA CONVENIENZA A RIVALUTARE LE QUOTE DI PARTECIPAZIONE DETENUTE AL 1° GENNAIO 2021]

Proroga rivalutazione partecipazioni detenute al 15/11/2020

L’art. 137 del Decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 (cd. Decreto Rilancio), come modificato in sede di conversione dalla legge n. 77 del 17/07/2020, dispone la proroga della rideterminazione delle partecipazioni non negoziate nei mercati regolamentati posseduti alla data del primo luglio 2020.

Il termine per la redazione ed il giuramento della perizia nonché per il pagamento dell’imposta sostitutiva, determinata sempre nella misura dell’11% del valore periziato, che sostituisce il valore iniziale nel calcolo della plusvalenza, è fissato al 15 novembre 2020; è prevista la possibilità di rateizzare l’imposta sostitutiva dovuta in tre rate di pari importo con la maggiorazione degli interessi del 3% sulle rate successive alla prima da eseguirsi entro il 15 novembre 2020.